';

Gli ulivi dell’Umbria vogliono il riconoscimento Unesco

Gli ulivi dell’Umbria vogliono il riconoscimento Unesco

L’iscrizione della fascia olivata nel Registro Nazionale del Paesaggio Rurale, delle Pratiche Agricole e Conoscenze Tradizionali e la candidatura dell’area quale patrimonio Unesco tra gli obiettivi del protocollo d’Intesa “Paesaggio olivato Assisi – Spoleto” siglato formalmente nella giornata di mercoledì 3 febbraio, presso il Comune di Trevi alla presenza dell’assessore alla qualità del territorio, patrimonio agricolo, paesaggistico e ambientale dell’Umbria Fernanda Cecchini. A sottoscrivere il patto, i sindaci dei sei comuni promotori: Antonio Lunghi – Assisi, Moreno Landrini – Spello, Giovanni Patriarchi – Foligno, Bernardino Sperandio – Trevi, Campello sul Clitunno e Fabrizio Cardarelli – Spoleto. Il Comitato promotore per il paesaggio olivato Assisi – Spoleto è stato istituito con finalità di tutela del patrimonio ambientale e storico-artistico dell’area e di incremento del suo potenziale attrattivo, sotto il profilo naturalistico, culturale, turistico, enogastronomico. Parte quindi da Trevi, con questa intesa, il percorso per il riconoscimento Unesco che prende avvio con la richiesta di inserimento nel Registro Nazionale del Paesaggio Rurale, delle Pratiche Agricole e Conoscenze Tradizionali.
(Fonte: Corriere dell’Umbria – 4 febbraio 2016)

Roberto Rossi